Lettera auguri di Natale del Vescovo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Lettera auguri di Natale del Vescovo

Messaggio  Fabio il Lun Dic 21, 2009 1:08 pm

Carissimi figli e fratelli carissimi,
l’approssimarsi delle feste natalizie e insieme il difficile momento storico che stiamo
vivendo mi hanno spinto, dopo una sofferta riflessione, a rivolgermi a tutti per un augurio e ad un
invito che spero vogliate condividere perché questo Santo Natale 2009 sia vissuto nel segno della
speranza.
Ci sentiamo tutti dentro un succedersi vorticoso di fatti che creano smarrimento. Come se la
ragione fosse divenuta muta e non sappia più orientare il nostro cammino di uomini verso il bene:
una sconfitta della pace, della giustizia, dei più deboli.
Il dibattito pubblico sembra incancrenito e falsato, lontano dai veri problemi delle nostre
famiglie, dei nostri giovani e del loro futuro. Anche nel nostro territorio, nelle piccole vicende
politiche di ogni giorno, assistiamo a volte impotenti a discussioni sterili invece di scorgere uno
scatto di impegno positivo e propositivo in questo momento terribile per la crisi economica che
mette a rischio i posti di lavoro e la vita stessa delle nostre famiglie e in definitiva rende invisibili le
difficoltà dei più deboli.
“L’uomo nella sua vita - ha affermato recentemente Benedetto XVI - è in costante attesa,
ma arriva il tempo in cui egli scopre di aver sperato troppo poco se, al di là della professione o della
posizione sociale, non gli rimane niente altro da sperare. La speranza segna il cammino
dell’umanità, ma per i cristiani essa è animata da una certezza: il Signore è presente nello scorrere
della nostra vita, ci accompagna e un giorno asciugherà anche le nostre lacrime. Un giorno, non
lontano, tutto troverà il suo compimento nel Regno di Dio, Regno di giustizia e di pace”.
Questo Regno che Cristo con la sua venuta è venuto ad inaugurare, vorrei chiedervi di
guardare, di contemplare, di impegnarvi a costruire ogni giorno, uscendo dal guscio dei piccoli
interessi personali e familiari.
Il centro dell’uomo è nel suo cuore. Quando il cuore s’inaridisce e diventa opaco, sordo e
cieco, l’uomo si smarrisce. In un panorama di squallida contrapposizione, che spesso si trasforma
solo in cannibalismo politico, sarebbe opportuno fermarsi un po’ e riscoprire la bontà del silenzio,
un silenzio non omertoso ma un silenzio pieno, di riflessione profonda, di analisi vera sulla nostra
vita, sulle nostre scelte, sul nostro territorio.
Non serve colpire l’immaginario collettivo se non si scalfiscono le coscienze per dare una
virata a quella strisciante cultura mafiosa che si manifesta nel vivere quotidiano della gente comune
e da cui prende linfa vitale la grande mafia, la mafia atea e assassina che attanaglia le potenzialità
della nostra terra.
Il racket, le estorsioni ed oggi la mafia dei colletti bianchi che mette le mani sugli appalti,
sui supermercati, sulle operazioni finanziarie più importanti dello stato, sono l’espressione di un
male oscuro e penetrante che, se non riusciamo a prenderne coscienza in maniera corale, rischia di
diventare un antistato legalizzato dall’assenso subìto del popolo.
Le risorse morali del nostro popolo sono un bene da non disperdere né da sottovalutare:
bisogna creare una catena di solidarietà tra quanti hanno a cuore le sorti della nostra isola. La libertà
è un bene da conquistare ogni giorno e non c’è libertà vera se la coscienza non è libera, se il cuore
non è libero, se non c’è una legge morale che guida le scelte personali e sociali. Non è libertà vera
quella osannata da una modernità fatta di trasgressioni.
Dobbiamo disinquinare il nostro cuore.
La mafia come il clientelismo si rifà ad una cultura intrisa di materialismo, priva di valori
veri, carcerata da una visione provinciale della vita, consegnata ai giovani come la scorciatoia per
l’affermazione di sé. Per il mafioso non esiste l’Altro e l’Oltre ed anche quando maschera il suo
curriculum di sangue con una parvenza di religiosità, questa ha lo stesso valore simbolico della
pistola, del rito blasfemo dell’iniziazione criminale.
Un certo perbenismo si conviene al mafioso doc, che agli occhi della gente può apparire
addirittura come un benefattore, un signore rispettabile, un uomo buono a cui dover ricorrere per
risolvere eventuali problemi insorgenti. Ma quale senso vogliamo dare all’onore di una persona e di
una società?
“Beati i miti perché erediteranno la terra, beati i poveri di spirito …beati gli operatori di
pace perché saranno chiamati figli di Dio”: questo, anche oggi, ci ridice Gesù.
Possiamo e dobbiamo farcela, dobbiamo credere in noi stessi, nella nostra capacità di
risollevarci, di tirarci fuori dal baratro in cui forze oscure tentano sempre di ricacciarci.
L’appartenenza a Cristo e alla Chiesa richiede necessariamente una adesione non formale,
ma sostanziale a quel codice di vita che è anche etico dettato da Gesù come tessera di
riconoscimento dei suoi discepoli: “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete
amore gli uni per gli altri” (Gv 13,35). Al di là delle debolezze, anche degli uomini di Chiesa,
questo vale per tutti i cristiani. Su questa verità possiamo valutare la nostra appartenenza ecclesiale.
Vorrei pensare in positivo e prospettare un domani libero da tutte le pesti sociali che
avvelenano la vita delle nostre città. Per questo, come comunità cristiana, dobbiamo impegnarci nel
quotidiano, nelle parrocchie, nei gruppi e nei movimenti a nutrire di valori veri e della capacità di
saper leggere e comprendere la realtà, i nostri ragazzi e i nostri giovani. Da loro dobbiamo ripartire.
Non andiamo da nessuna parte se non si attivano percorsi formativi seri, facendo leva
sull’esperienza e sollevando le menti verso più alti e nobili ideali difficilmente reperibili nel
mercato mediatico contemporaneo. Una Chiesa amica dei giovani è una Chiesa che non giudica ma
accoglie, fa proprie le problematiche, le attese e le speranze dei giovani, una Chiesa che ama stare
in trincea con i giovani lì dove la loro vita si accende o si spegne, lì dove spacciatori di felicità a
basso prezzo ammaliano con le loro mortali lusinghe.
Non è facile né semplice comprendere le dinamiche che sottostanno a un certo modo di
pensare e di operare, ma è palese il disagio in cui siamo chiamati a muoverci, il timore di sbagliare,
di non saper cogliere la sostanza dei comportamenti, delle attese e delle speranze del popolo.
Ci proviamo, ogni giorno, con le mille iniziative del nostro progetto di Chiesa: di taglio
culturale, formativo, educativo. Dobbiamo fare di più; ma, soprattutto, dobbiamo sollevare lo
sguardo, aprire l’orizzonte.
La visita di Dio nel Natale del Signore, fatto bambino, umile e povero, ci invita a sostare in
silenzio per capire una presenza. “E’ un invito a comprendere che i singoli eventi - come ci dice
sempre Benedetto XVI - sono cenni che Dio ci rivolge”.
Alziamo lo sguardo del nostro cuore, facciamo un serio esame di coscienza, mettiamo in
campo, in questo Santo Natale, un gesto di rottura con il passato superando lo stile di un territorio
assai provinciale dove spesso è difficile attivare un dialogo libero da preconcetti o semplicemente
dagli slogan e dai luoghi comuni, un dialogo veramente rispettoso dell’altro, amante della ricerca
autentica della Verità.
Facciamolo come singoli, facciamolo come famiglie, facciamolo come comunità cristiana.
Affidiamoci a Cristo. Come scrive il nostro Papa Benedetto XVI, Egli “è’ ‘carne’ come noi ed è
‘roccia’ come Dio. Chiunque anela alla libertà, alla giustizia, alla pace può risollevarsi e alzare il
capo, perché in Cristo la liberazione è vicina (cfr Lc 21,28). Possiamo pertanto affermare che Gesù
Cristo non riguarda solo i cristiani, o solo i credenti, ma tutti gli uomini, perché Egli, che è il centro
della fede, è anche il fondamento della speranza. E della speranza ogni essere umano ha
costantemente bisogno”.
Auguri!
+ Francesco Micciché
vescovo

_________________

Fabio

Numero di messaggi: 610
Data d'iscrizione: 12.04.08
Età: 32
Località: Trapani

Vedere il profilo dell'utente http://www.sanfrancescotrapani.org

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum