Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  davide il Mer Nov 05, 2008 4:12 pm

Come promesso, eccovi una sezione del Forum dedicata sia alle testimonianze di noi “Convegnisti” che abbiamo partecipato al 29° Convegno Giovani Verso Assisi, sia alle domande, curiosità, commenti e osservazioni che sicuramente usciranno dal vostro cuore in abbondanza Exclamation

Da dove cominciare… scratch ...come si dice in questi casi,cominciamo dall’inizio… Wink

Come molti sanno, siamo partiti in 14 ragazzi qui da Trapani:
Fabio, Arianna, Luisa, Cristopher, Irene, Peppe C., Rita, Chiara, Simona, Luca, Pietro, Massimo, Ivan ed Io.
bounce bounce bom bom drunken drunken cherry cherry cyclops cat alien clown
MARTEDI’ 28 OTTOBRE
La partenza è stata stupenda e con la voglia frenetica di essere ad Assisi in pochi minuti (nonostante le moltissime ore di viaggio che ci attendevano).
A Palermo ci siamo incontrati: con gli altri ragazzi di Palermo e provincia e con i nostri primi responsabili (Padre Antonio, Padre Salvatore e Suor Rosa); il nostro viaggio trascorre allegramente e pieno di gioia tra un canto francescano e l’altro animati con i gesti jocolor ma un ringraziamento speciale va al nostro caro Fabio VII, che era così gasato nel suonare la chitarra che riesce a rompere un plettro e una corda…eheheheh Laughing Laughing... che spasso!!quante risate, già ci ritroviamo mezzi sgolati prima di arrivare a Messina.
Così, senza accorgercene raggiungiamo la chiesa di San Francesco a Messina unendoci a tutti gli altri ragazzi della Sicilia che erano già arrivati. Iniziamo subito il momento di preghiera presieduto da Fra Saverio dando ufficialmente inizio al nostro pellegrinaggio in Assisi.

Adesso so che po’ sembrare pazzesco quello che sto per dire ma, io personalmente, non sapevo che aspettarmi da questo Convegno, forse perché non sapevo in cosa consistesse esattamente…
...però avevo la certezza che mi sarebbe stato molto utile a capire tante cose su me stesso, la Chiesa(intesa come insieme dei fedeli battezzati)e su San Francesco Exclamation

L’impressione, quindi, che ebbi su quel momento di preghiera è stato un grosso brivido lungo la schiena perché stavo incominciando a mettere a fuoco l’importanza del compito che ci era affidato: cioè essere testimoni dell’esperienza che avremmo fatto in quei giorni ai nostri fratelli nelle rispettive comunità parrocchiali; ma soprattutto essere “un cuore solo e un’anima sola” con tutti i fratelli che ci stanno accanto, sull’insegnamento di Francesco d’Assisi.

Comunque, ritornando al nostro viaggio…
Finito il momento di preghiera, ci imbarchiamo sulla nave per traghettare lo Stretto e iniziare la parte più dura del nostro viaggio che ci vedrà in movimento lungo l’Italia durante tutta la notte… pale

to be continued... Arrow Arrow Arrow
avatar
davide

Numero di messaggi : 107
Data d'iscrizione : 03.05.08
Età : 28
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Testimonianza di Irene

Messaggio  Fabio il Mer Nov 05, 2008 5:25 pm

Ecco la testimonianza che Irene ha scritto nel suo blog, è bellissima! Very Happy

Oillàllàllerullàllà amiCHi d chatt cm va??spero tt bene perché a me va alla grande sn ritornata ieri dall’esperienza d Assisi m sento purificata rinnovata all’interno e sto bene cn me stessa..x la prima volta…

Bhe che dire??è un esperienza indescrivibile m viene in mente soltanto una parola

Meravigliosamente M E R A V I G L I O S A

X descriverla bisogna x forza farne esperienza…è tutto bello dal coro che dà l’armonia giusta e sempre il sottofondo cn delle canzoni meravigliose…fino ai frati che sn veramente tutti delle persone eccezionali(u zu Sandro..il frate trescone che cn i suoi gesti dirigeva l’assemblea)…[ma anke le suore…cm a me cumpare Mariangela la mia “sister” ehehhe tvb]…facevamo ogni giorno per tre volte minimo una salita che nn finiva mai infatti credo che m sn tenuta un po’ in allenamento…ehehahah



Bhe?!? Credo che vogliate sapere come ho passato il giorno del mio compleanno (31ottobre_a chi nn lo sapesse)

Inizia tutto dal 30 notte a mezzanotte che arrivano i miei amici (Fabio Arianna Luisa Davide Chiara Luca Simona Peppe caramella e Cristopher…….e Rita complice d tutto visto che era la mia compagna d stanza)…x mangiare pane e nutella…mhmhm…e m trovano cn i capelli bagnati xk m ero appena fatta lo shampoo e Cristopher m ha dato il regalo una bellissima crocetta d’oro….che duuci…



Poi l’indomani a colazione dopo la preghiera il mitico e freschissimo padre Antonio Parisi gridando a tutti dice “…e auguri a Irene che oggi compie gli anni” pensate che mala fiura avere tutti gli okki d tutti addosso e cantarti la canzoncina “tanti auguri a te” ehhehe insomma e lì è passato

Poi dopo pranzo d nuovo padre Antonio dice x la seconda volta “…e auguri a Irene”

E infine anke x la cena “…e auguri ancora ad Irene” ma dp aver mangiato i miei amici m hanno portato il fragolino e tre crostate d cui a me neanke un pezzo ne era rimasto…ma nn fa nnt…l’importante è che sn stata bene cn i miei amici e cn crys ehhe che cariniiii tuttiii

cmq tt sommato l’ho passato bene



x quanto riguarda il convegno ho avuto una grossa esperienza molto ravvicinata cn il Signore pregandolo ogni giorno e il giorno più bello secondo me sn stati due il primo giorno quando nella basilica inferiore abbiamo fatto passare tutti i nastri a ognuno d noi a oltre 2000 ragazzi tt là dentro ed eravamo tutti uniti fra d noi cn un solo filo che ci riuniva…molto bello magari raccontato x chi legge potrà dire “ma che è pazza questa?” xò nn è così solo chi ha vissuto veramente il convegno può capire tt ciò…come ho dtt prima e lo ripeto bisogna vivere l’esperienza x capire realmente il significato…

e poi un altro giorno bellissimo e sopratt emozionante è stato il giorno delle confessioni riflessione personale e poi preghiera alla tomba d San Francesco…..molte persone in lacrime xk si è sentito dentro il proprio peccato e un esame d coscienza d se stessi…a me (devo dire la verità) nn ha fatto l’effetto d piangere ma dentro d me ho provato emozioni grandissime credo mai vissute fino ad ora…ma poi nn m sn più potuta trattenere nel sentire la testimonianza della ragazza a soli 22anni in una sedia a rotelle da 12anni…molto toccante

e l’ultimo giorno c’è stato uno spettacolo del mitico Gigi Cotichella e Lorenzo che c hanno fatto ridere un po’…e sopratt dare pure delle lezioni d vita...cm il solito d Gigi!!


mha!comunque tra pianti risate (soprattutto) e lunghe passeggiate (in salita) m sn divertita molto e ho conosciuto molte persone le quali ho condiviso alcune risate ed esperienze tra cui: Emy Laura e Giancarlo (i ragazzi di Acireale che sn stati cn noi fino a messina), Simona Fina Angelo Rosario la simpatia di Piero cn il suo EEEHIII EHHH!! Ahahhah che risateeeeee

cmq sicuramente m sarò scordata qualcuno ma cmq li penserò tutti e spero d passare un altro convegno cn loro… ragz vi voglio tanto bene grazie x avermi fatto passare un bellissimo compleanno grazie ancora bacini….

Irene Genovese

_________________
avatar
Fabio

Numero di messaggi : 610
Data d'iscrizione : 12.04.08
Età : 35
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente http://www.sanfrancescotrapani.org

Tornare in alto Andare in basso

piccolo scorcio del giorno 28

Messaggio  davide il Gio Nov 06, 2008 2:17 pm

Ho voluto condividere questa foto fatta sul Pullman nel tragitto Palermo-Messina What a Face
come vedete nella foto il mitico Padre Antonio si è unito a noi nel canto e nei gesti Exclamation


avatar
davide

Numero di messaggi : 107
Data d'iscrizione : 03.05.08
Età : 28
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  irene il Gio Nov 06, 2008 5:02 pm

nonno VII!!!!!!!!!!!!!!!ma che hai combinato????l'hai messo tu il mio intervento nel forum!ehehh...grazie lo stesso x avermi risparmiato la fatica..eheh...tivibi... Smile bacini in caso qualcosa che mancherà lo aggiungerò io dopo..eheh
Smile Smile bounce bounce
avatar
irene

Numero di messaggi : 298
Data d'iscrizione : 23.04.08
Età : 24
Località : trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  sarah il Gio Nov 06, 2008 7:11 pm

e Bravo a Fabio che ha pubblicato la testimonianza della mia piccola e dolce irene. però qui la richiesta nasce spontanea : tu non scrivi la tua testimonianza ? forza Fabio lol! sono veramente curiosa!
avatar
sarah

Numero di messaggi : 173
Data d'iscrizione : 28.04.08
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  simona il Ven Nov 07, 2008 1:23 am

aspettando che Davide continui la sua testimonianza e qualche altro faccia la propria ne approfitto per a parlarvi della mia...spero di non scrivere troppo e annoiarvi!
da dove iniziare...beh...sono stati 5 giorni così belli e intensi che è un po’ difficile riordinare tutti i ricordi!!!
ricordo che siamo partiti euforici all'idea di arrivare presto ad Assisi e goderci il convegno, e siamo tornati carichissimi nello Spirito per portare a tutti voi la nostra esperienza e la nostra voglia di "cambiare"!
penso che solo chi ha vissuto questa magnifica esperienza può capire davvero che cosa si prova!
tutto è stato bellissimo, dal primo all'ultimo giorno, cominciando dalla veglia iniziale e terminando con la messa finale!
Se dovessi dire cos’è stato per me il convegno GIOVANI VERSO ASSISI direi che è stato decisamente un continuo incontro con GESù...Lui c'era nella confessione, nelle bellissime testimonianze, in ogni santa messa e in ogni momento di preghiera, nella meravigliosa fraternità di 1.500 giovani venuti da tutta Italia..GESù ERA TRA DI NOI!
immense emozioni sono state le compagne di questa grande esperienza, se ci penso ancora mi commuovo e tanti bei ricordi mi vengono subito alla mente!
cerchiamo di ordinarli tutti...
All'arrivo ad Assisi ricordo che eravamo come dei bambini alla scoperta di qualcosa di speciale...Assisi era la nostra meravigliosa scoperta!
le lunghissime ore di viaggio e la molta stanchezza non ci hanno fermato...
se chiudo gli occhi e ripenso al primo giorno ad Assisi mi viene subito alla mente l'immagine di una marea di giovani uniti tutti da un coloratissimo fascio di nastri che si espande per tutta la basilica e ancora adesso mi sembra di poter ascoltare la bellissima armonia creata dal coro e dalle mille voci presenti.
ricordo che appena entrata nella basilica inferiore per la veglia rimasi a bocca aperta nel sentire cantare per la prima volta dal vivo quel bellissimo coro accompagnato da quella meravigliosa orchestra.
poi i ricordi scorrono e scivolano verso la sera della liturgia del perdono...il ricordo più bello di quella sera è quando dopo le confessioni e dopo esserci recati alla tomba di S. Francesco la basilica era quasi deserta, rimaneva solo il coro e noi ragazzi di Trapani che piano piano ci ritrovammo tutti davanti all'altare, seduti per terra, ed dopo esserci guardati tutti commossi cominciammo a piangere pensando a tutto ciò che avevamo provato in quella sera e a tutto ciò che ancora ci aspettava.
il giorno seguente infatti ci aspettavano tantissime emozioni grazie ai numerosi testimoni pronti a parlarci delle loro bellissime e toccanti esperienze!
bellissima è stata la testimonianza del simpaticissimo sacerdote napoletano Don Pasquale Incoronato venuto a parlarci della sua esperienza nella pastorale giovanile di Napoli, impegnato ad avvicinare tutti i giovani alla chiesa in un territorio dove la camorra è molto d'ostacolo,
ma la testimonianza che non dimenticherò mai e terrò sempre nel mio cuore è quella di Rita Coruzzi, ragazza di 22 anni costretta da 12 anni in una carrozzina a causa di un errore medico...le sue parole durante l'Adorazione della Croce resteranno per sempre impresse nel cuore!
mi ha fatto capire quanto sono fortunata per tutto ciò che il Signore mi dona ogni giorno e quanto non è mai abbastanza ringraziarlo per tutto quello che fa per ognuno di noi.
Rita nella sua sedia a rotelle ha detto di sentirsi nelle gambe di Gesù e per qualsiasi cosa al mondo non scenderebbe mai da li..."IO SCELGO CRISTO!" gridava...sono queste le parole che hanno toccato il mio cuore..."IO SCELGO CRISTO!"...
è questo il ricordo più bello che mi porto da questo convegno!
Ma i ricordi non finiscono qui…tra testimonianze e momenti di preghiera non potevano certo mancare i momenti di fraternità!
…e con la straordinaria partecipazione di Gigi Cotichella e Lorenzo Tiengo l’ultima sera ad Assisi è stata davvero divertentissima!!!
Quanti bei ricordi…li terrò tutti nel mio cuore!!!
Ringrazio tutti i miei compagni di viaggio, tutti i ragazzi con cui ho condiviso grandi emozioni, tutti i simpaticissimi ragazzi che ho conosciuto e tutti i miei fratellini e sorelline che con me hanno vissuto questa magnifica esperienza!
Grazie a tutti fratelli!!!
Pace e bene…

P.S. : scegliete anche voi GESù...non ve ne pentirete!
avatar
simona

Numero di messaggi : 192
Data d'iscrizione : 17.05.08
Età : 25
Località : trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  Angelo il Ven Nov 07, 2008 2:45 am

Simona ha scritto:
ma la testimonianza che non dimenticherò mai e terrò sempre nel mio cuore è quella di Rita Coruzzi, ragazza di 22 anni costretta da 12 anni in una carrozzina a causa di un errore medico...le sue parole durante l'Adorazione della Croce resteranno per sempre impresse nel cuore!

Nel sito di un GRUPPO GIOVANI dell' UNITALSI (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari) ho trovato :<< [...]una forte testimonianza: RITA CORUZZI, 22 anni, su una carrozzina raccontava di come la sua vita fosse cambiata in seguito ad un’operazione banale, ma per lei fatale. Il suo tono deciso ha incantato tutti nell’ascolto di quelle sue parole cariche di rabbia, quando raccontava il periodo successivo all’operazione, e cariche di fede e di Amore, quando invece parlava del modo in cui Maria, a Lourdes, avesse guarito il suo cuore facendole accettare la sua condizione e comprendere la preziosità del suo stato.

“Se Dio mi chiedesse – diceva – se volessi camminare e tornare quella che ero prima, perdendo tutto quello che adesso ho compreso e ho acquistato, direi: no! Voglio rimanere sulla carrozzina ma conservare la fede!” [...]>>

Per conoscere meglio Rita, visitate il sito: www.ritacoruzzi.it

Angelo

Numero di messaggi : 169
Data d'iscrizione : 17.06.08
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Video-Testimonianza "Giovani verso Assisi 2008 - Emozioni da Trapani"

Messaggio  Fabio il Ven Nov 07, 2008 3:45 pm

Ho pensato molto, fin dal viaggio di ritorno, a quale sarebbe stata la mia testimonianza tornato da Assisi.
Di momenti bellissimi ce ne sono stati parecchi quest'anno, non sapevo proprio quale scegliere per iniziare una riflessione che mi portasse ad un'introspezione più profonda.
Ieri sera, però, all'incontro con il mio gruppo di noviziato, mi è stato chiesto di dare la mia testimonianza del convegno GVA. Oltre al mio gruppo erano presenti anche i due gruppi di neo-professi.
Sono stato colto alla sprovvista ed ho incominciato ad attingere dalla memoria e dal cuore per donare a chi mi ascoltava un po' di quella gioia che mi sono portato dentro da Assisi.
Ebbene, mentre che raccontavo del convegno, mi giravano e rigiravano in mente della immagini ed una musica ed ho capito cosa mi ha dato questo incontro con Gesù: la consapevolezza della fortuna che ho ad apprezzare tutto quello che Dio mi ha dato e tutto quello che Dio non mi ha dato!
I ragazzi hanno lasciato delle testimonianze bellissime e complete, quindi ho optato per una video-testimonianza che racchiude quelle immagini e quella musica di cui vi ho parlato prima.
Con l'augurio che vi possano arrivare le emozioni che ho provato io in tutto questo viaggio, ecco il mio tesoro quest'anno! Very Happy





Pace e bene
Fabio

P.S.: x Sarah, spero di non aver deluso le tue aspettative con questa testimonianza un po' particolare! lol!


Ultima modifica di Fabio il Ven Nov 07, 2008 5:08 pm, modificato 1 volta

_________________
avatar
Fabio

Numero di messaggi : 610
Data d'iscrizione : 12.04.08
Età : 35
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente http://www.sanfrancescotrapani.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  sarah il Ven Nov 07, 2008 5:03 pm

" ho capito cosa mi ha dato questo incontro con Gesù: la consapevolezza della fortuna che ho ad apprezzare tutto quello che Dio mi ha dato e tutto quello che Dio non mi ha dato!"

mitico Fabiooooooooooooo! troppo forteeeeeeeeeeeeeeeee la video testimonianza eheheheheh lol!
grazie di vero cuore perchè con queste tue semplici parole mi hai fatto riflettere tantissimo su un momento molto particolare che sto vivendo all'interno della mia comunità.
un abbraccio di vero cuore
avatar
sarah

Numero di messaggi : 173
Data d'iscrizione : 28.04.08
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  irene il Ven Nov 07, 2008 5:15 pm

bellissimo nonnoooo è trp bello sto video m sn messa a piangere da sola cm una bambina xk m mancano qst momenti...qst canzone d sottofondo poi è bellissimaaa...grazie d tutto ragazzi v voglio bene pace & bene a tutti
irene
avatar
irene

Numero di messaggi : 298
Data d'iscrizione : 23.04.08
Età : 24
Località : trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

giorno 29 Ottobre...Arrivo ad Assisi!

Messaggio  davide il Ven Nov 07, 2008 5:59 pm


che bello poter condividere in questo Forum le nostre testimonianze, anche quelle particolari ed uniche del nostro Fabio Cool
spero di non annoiarvi se faccio un mix di cronaca e di impressioni personali x ogni giornata...
MERCOLEDI’ 29 OTTOBRE
tra un autogrill e l’altro, tra un sonnellino e l’altro fatto sulla sedia del pullman nella posizione più strana possibile (per illuderci di stare più comodi), arriviamo a Cave (provincia di Roma) verso le 8 del mattino.
Lì veniamo ospitati nel convento di San Francesco dove celebriamo l’Eucaristia presieduta dal vescovo di Palestrina, Mons. Sigalini che dice nell’omelia delle bellissime parole sull’importanza che abbiamo noi giovani all’interno della Chiesa e della società (“Voi siete il sale della terra…Voi siete la luce del mondo” Mt 5, 13-16) di come ciascuno di noi ha dentro di sé la grandissima voglia di ricercare la Verità, quindi conoscere Cristo, in modo da poter essere membro attivo dell’unico Corpo con a Capo Gesù Exclamation
Dopo la SS. Messa, ci viene offerta la colazione, da parte dei frati e dei terziari locali (Vi Ringraziamo ancora per il vostro servizio!), che ci consente di svegliarci definitivamente…quindi partiamo immediatamente per Rivotorto perché ci aspettava il ristorante per il pranzo…


Sul pullman il viaggio prosegue piacevolmente (anche perché entriamo quasi tutti in uno stato di coma profondo causato dalla nottata turbolenta per strada…) fino a che...sembra un miraggio…”sogno o son desto!?”…invece adesso siamo tutti molto svegli perché ammiriamo dai finestrini la tanto sospirata e desiderata meta: ASSISIIIIIIIIIIIIIII Exclamation Exclamation Exclamation
Rimaniamo tutti lì curiosi ed estasiati più che mai, pensando: “Alla fine ci sono venuto anch’io…
Così sul pullman facciamo una preghiera, leggendo anche il passo delle Fonti Francescane dove S. Francesco benedice la sua Assisi.

Comunque, per ora ci lasciamo Assisi alle spalle, per raggiungere il ristorante a Rivotorto (vicino ad Assisi). Finalmente mettiamo sotto i denti qualcosa di più di un panino, pizzette, focacce, patatine, e via dicendo…anche se dobbiamo adattarci al cibo e il modo di cucinare dell’Umbria silent riguardo al cibo vi lascio agli interventi dei miei compagni di viaggio che sperimentavano sempre nuovi modi per mangiare il <<pane>> bom

Dopo le raccomandazioni di Padre Saverio veniamo accompagnati ciascuno nei rispettivi alberghi, quello che ospita la Sicilia è l’Hotel Roma, precisamente di fronte la Basilica si Santa Chiara…fortunati per certi versi ma sfortunati per altri:
- di positivo c’era senz’altro il fatto di trovarci nel bel mezzo del centro storico di Assisi, vicino a tanti luoghi interessanti, e poi la possibilità di poter scendere dall’albergo e visitare Santa Chiara quante volte volevamo..
- la cosa meno gradevole è stata la distanza dalla Basilica di San Francesco dove si svolgevano tutte le attività del Convegno…ma comunque ci è servito per goderci il paese e la bellezza dei posti

Finalmente abbiamo la gioia di farci una doccia e cambiarci i vestiti del viaggio cheers cheers
Dopo quindi una bella rinfrescata, cogliamo al volo l’occasione del pomeriggio libero per visitare qualcosa ad Assisi…ci viene subito in mente “S. Damiano” e “S. Maria degli Angeli”!! Ma dato che abbiamo alle 19e15 la cena in hotel decidiamo di non allontanarci troppo ed andare a S. Damiano… ci incamminiamo così tutti contenti ed euforici, ancora sbalorditi di essere davvero nel paesino di S. Francesco, e che avremmo potuto toccare e vedere concretamente la prima chiesetta che lui stesso riparò.
Purtroppo giunti sul sentiero che porta alla chiesetta, leggiamo su un cartello che l’orario delle visite era passato sigh! Ma questo non ci abbatte più di tanto (d’altronde siamo appena arrivati…il tempo l’avremmo avuto in seguito)
Decidiamo quindi di indirizzarci immediatamente verso la seconda nostra meta, prendendo l’autobus:
Santa Maria degli Angeli
Per chi è stato ad Assisi, può capire l’emozione che si prova nello stare nel vialone alberato che conduce alla Basilica…io personalmente c’ero stato di recente, ma mi sono sentito comunque “strano” (nel senso che si sentiva proprio la maestosa SANTITA' del luogo) quando ho varcato la soglia della Porziuncola, dove il Serafico Padre Francesco aveva chiesto per chiunque sarebbe entrato in quella piccola chiesetta gli sarebbe stato concesso la cancellazione di tutte le pene dei nostri peccati! WOW Exclamation Solo pensando questo mi sono sentito molto molto piccolo e insignificante, ma allo stesso tempo, AMATO. I love you
Il giro continua, nella Cappella del Transito, il Roseto senza spine, le tortorelle di San Francesco…comunque vi lascio anche ai commenti degli altri Wink

Ritornati in albergo, durante la cena ci vengono consegnati i Pass per il Convegno (che sarebbero le sacche che vedete nella foto sotto) e il libro dei canti e quello delle liturgie.

Partiamo così, con ampio anticipo, per andare al primo momento di preghiera con tutti i giovani del Convegno, svoltosi in Basilica Inferiore.
Anche lì è grande lo stupore nel vedere la Basilica di San Francesco, ma lo è ancor di più quando entriamo in Basilica accolti dal servizio di accoglienza e dalle meravigliose voci della corale GvA.
Essendo tra i primi arrivati, troviamo i posti a sedere vicino l’altare e il coro.
Siamo tutti quanti con dei sorrisi smaglianti mentre veniamo ipnotizzati da Padre Alessandro (chi ha avuto il piacere di conoscerlo sa cosa voglio dire), che si è occupato per tutto il Convegno di animare il coro dell’Assemblea nonché di fare provare i nuovi canti.
Io mi ritrovo assorto in un’atmosfera paradisiaca tra angeli e nuvolette! drunken sunny What a Face

Dopo che tutti eravamo entrati, comincia il momento di preghiera presieduto da Fra Vincenzo Coli ofm conv., Custode del Sacro Convento…caratterizzato dalla lettura della Bibbia, dei messaggi di Giovanni Paolo II nelle GMG e naturalmente delle Fonti Francescane.
Ma ciò, penso, che ha colpito tutti è stato quando ciascuna Provincia Francescana ha presentato l’impegno che si proponeva di condurre durante tutto questo anno, e poi tutti questi propositi sono stati legati simbolicamente da tanti nastri colorati che attraversavano l’intera basilica intrecciando (e incatenando qualche volta) ciascuno di noi: stando a significare che ciascuno nella propria realtà regionale non è isolato dagli altri, bensì fa parte di una comunità e di una famiglia più grande che la sostiene nella preghiera collaborando insieme nella realizzazione degli obiettivi (ma questo lo sapete meglio di me Razz )
Quella è stata la prima volta nel Convegno che ho sentito davvero di essere fratello in Cristo con tutti coloro che professavano la mia stessa fede Exclamation Per questo dico ancora Grazie a coloro che mi hanno permesso di vivere questa esperienza.

La giornata così volge al termine quando ci ritiriamo nei rispettivi Hotel, infreddoliti dalla pioggia e dalle basse temperature ma soddisfatti e felici più che mai, forse anche perché possiamo dormire finalmente in un vero letto… Very Happy

to be continued... Arrow Arrow Arrow
avatar
davide

Numero di messaggi : 107
Data d'iscrizione : 03.05.08
Età : 28
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  Fabio il Sab Nov 08, 2008 11:05 am

Sono contento che vi sia piaciuta la video-testimonianza Very Happy
Non vedo l'ora di leggere la continuazione della testimonianza di Davide!

_________________
avatar
Fabio

Numero di messaggi : 610
Data d'iscrizione : 12.04.08
Età : 35
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente http://www.sanfrancescotrapani.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  simona il Sab Nov 08, 2008 3:17 pm

come possiamo essere noi davvero beati?
pensiamo che tutto ci è dovuto, siamo troopo abituati alle feste...pensiamo che la felicità sia solo li, invece la possiamo trovare nella quotidianetà.
dobbiamo incarnare ogni giorno Gesù Cristo, senza paura...è Lui che ci da la felicità!

dalla testimonianza di don Pasquale Incoronato. Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
simona

Numero di messaggi : 192
Data d'iscrizione : 17.05.08
Età : 25
Località : trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  irene il Lun Nov 10, 2008 12:21 am

un'altra cosa vorrei aggiungere è che ho sentito e sento d doverla scrivere:

ad Assisi è stato meraviglioso solo il pensiero d vedere e partecipare insieme ad altri 2000ragazzi cn un solo obiettivo (e anke il tuo obiettivo) QUELLO DI INCONTRARE CRISTO!(o comunque stargli accanto e sentire che veramente Lui c'è)...impossibile spiegarlo come ho già scritto nel mio blog...k Fabio ha riportato__

credo che bisogna vivere questa esperienza e nn c'è bisogno d emozionarti x forza xk cm ha dtt oggi il vicario del vescovo durante la riunione, che nn bisogna avere delle emozioni esterne che t fanno emozionare l'importante è che t emozioni all'interno e senti veramente qualcosa in te che suscita l'emozione..

Oggi a San Francesco c'è stato un incontro cn il vicario del vescovo che ha fatto il paragone della nostra fede ad un albero e d come tt le parti dell'albero avessero un'importanza riferendosi pure alla fede (o cmq qst è quello che ho cpt io in quel poco che ho sentito)
ad un certo punto ha incominciato a parlare delle "emozioni"....m sn immaginata subito ad Assisi, ai ricordi ke ho avuto là...adesso da quando ho fatto questa stupenda esperienza tutto mi riporta sempre lì...da un lato è bello xk t ricordi smp d qst avventura (o cm la volete chiamare la chiamate)...ma da un altro lato è un pò "triste" xk è come se i pensieri te lo facessero a posta d farti avere nostalgia Assisiana... Very Happy

ahhaha...qst è un altro pezzo d testimonianza che volevo lasciare a voi tutti lettori del forum...spero sia stata chiara...x chi mi conosce sa che nn sn molto brava nel parlare ad esprimermi un pò xk m vergogno e un pò xk scritto m viene meglio...(sn un pò cm luisa...ehheh tvtttb)......vabbè accontentatevi d qst almeno..bacini Smile

Irene Genovese!
avatar
irene

Numero di messaggi : 298
Data d'iscrizione : 23.04.08
Età : 24
Località : trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  simona il Lun Nov 10, 2008 9:40 pm






secondo me questa non è una chiesa francescana... Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy


Ultima modifica di simona il Lun Nov 10, 2008 11:02 pm, modificato 1 volta
avatar
simona

Numero di messaggi : 192
Data d'iscrizione : 17.05.08
Età : 25
Località : trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  Smeralda il Lun Nov 10, 2008 9:48 pm

lol!
avatar
Smeralda

Numero di messaggi : 116
Data d'iscrizione : 16.04.08
Età : 30
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  Fabio il Lun Nov 10, 2008 10:55 pm

Molto divertente, davvero molto divertente evil evil evil

lol!

_________________
avatar
Fabio

Numero di messaggi : 610
Data d'iscrizione : 12.04.08
Età : 35
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente http://www.sanfrancescotrapani.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  irene il Lun Nov 10, 2008 11:24 pm

ahhahahhahahah bellissimo cucè.....ahah m fai trp ridere immagino la faccia d nonno VII Smile vvb a tutti PAX ET BONUM Very Happy evil twisted lol!
avatar
irene

Numero di messaggi : 298
Data d'iscrizione : 23.04.08
Età : 24
Località : trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  davide il Mar Nov 11, 2008 9:06 pm

lol! lol! lol!
nonno VII ha scritto: Di sicuro questa non è una chiesa francescana... Exclamation

GRANDE FABIOOOOOOOOOO Exclamation
avatar
davide

Numero di messaggi : 107
Data d'iscrizione : 03.05.08
Età : 28
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

30 Ottobre:giorno di grandi riflessioni...

Messaggio  davide il Mar Nov 11, 2008 10:01 pm

GIOVEDI’ 30 OTTOBRE
Mi rendo conto che la mia testimonianza diventa davvero chilometrica, più che altro nei 2 precedenti interventi ho voluto rendere partecipi del nostro viaggio tutti coloro che ci hanno assistito con la preghiera facendo notare i nostri (e soprattutto i miei..) stati d’animo durante il viaggio.
Da adesso vi prometto di evitare di fare una semplice cronaca dei fatti… Wink
Il 2° giorno di Convegno inizia con la celebrazione delle Lodi in Basilica Superiore, seguite dalla relazione di S.E. Mons. Giancarlo Bregantini sul tema del convegno…

Tema che, voglio precisare, riguardava l’ottava ed ultima Beatitudine: "Beati i perseguitati"
Faccio questa precisazione perché io stesso, fino a prima di partire, avevo capito che il tema riguardasse tutte le Beatitudini enunciate da Gesù nel cosiddetto “Discorso della Montagna”.
Invece quest’ultimo Convegno ha messo fine ad un ciclo, che ha visto il susseguirsi e l'esaminarsi di ogni singola beatitudine anno dopo anno.
Per chi è interessato, riporto ciò che ho appreso (e appuntato nel libretto, datoci in dotazione con la sacca Cool ) dalla stupenda relazione di Mons. Brigantini che è stato molto chiaro e semplice nella sua spiegazione.

Mons. Brigantini ha scritto:Iniziamo con la Beatitudine in oggetto:
"Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli." (Mt 5, 11-12a)

San Francesco ha voluto spiegarci questa beatitudine con il fioretto (FF 1836): Ivi è Perfetta Letizia

Questa beatitudine comprende 4 cose, principalmente:

  • INSULTO che attacca il volto, perché ci si sente togliere la dignità;
  • PERSECUZIONE che attacca il corpo, perché molte volte c’è il rischio di perdere la vita (martiri).
    Ma anche se non si perde la vita, assistiamo al tradimento degli amici che usano un tono di condanna (consigliato Salmo 54);
  • CALUNNIA o DIFFAMAZIONE che consiste nella deformazione del tuo operato, parlando male di te, in noi così nasce un’amarezza e una tristezza infinita perché non si sa che fare;
  • La diffamazione è cementata e rafforzata dalla MENZOGNA (“…e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi…”)

Se pur abbiamo di fronte una beatitudine ostile e difficile da vivere sempre, dobbiamo pensare però che il dono più grande della persecuzione è la vicinanza e l’alleanza con Gesù, quindi sentire Cristo come Fratello accanto a me e identico a me.
Sentire che accanto a Lui tutto è cambiato, anche la Preghiera.
Il dono che realizzano tutte le Beatitudini è quello, appunto, di sentirsi conforme a Cristo Gesù. sunny sunny

Quindi possiamo considerare la persecuzione come una potatura necessaria alla rifioritura.

Possiamo notare come perfino l’Eucaristia nasce da una notte di tradimento:
“Nella notte in cui fu tradito, Egli prese il pane…” (III Preghiera Eucaristica dal Messale Romano)
Quella notte Gesù è tradito dal suo stesso amico.
Proprio mentre Gesù era consegnato al nemico, Egli si consegnava a noi Exclamation

Però, ricordando una frase del Papa alla GMG di Colonia nel 2005:
“Quando è notte per noi (indica quindi il tradimento, l’ingiustizia…), è giorno per Dio”
Questo per dire che Dio ha dei progetti, che molte volte non capiamo, ma possiamo solo affidarci a Lui che sicuramente vuole il nostro bene)
Questa è una piccolissima sintesi di quello che ho sentito e soprattutto mi ha colpito. Spero possiate utilizzarlo come spunto di riflessione per capire cosa Gesù ha voluto dire con le Beatitudini a ciascuno di noi.

Un altro momento di quella giornata è caratterizzato, nel pomeriggio, dalla visione di diversi film dividendoci quindi a seconda della scelta fatta da ciascuno. Io insieme a Luisa e una buona parte del nostro gruppo scegliamo "7 Km da Gerusalemme", sul quale non mi soffermo oltre visto che è già stato commentato (comunque vi consiglio anch’io vivamente di vederlo).

Ed ecco che giunge la sera, con uno di quei momenti che sembrano fatti apposta per metterti in subbuglio lo stomaco con tutto quello che hai mangiato: cioè la Confessione dopo un lungo esame di coscienza, e la preghiera alla Tomba di San Francesco.

Quello che è provato in quella serata, è semplicemente INDESCRIVIBILE, perché come ha detto più volte mia sorella: <<se non lo vivi e non eri presente, le parole non sono in grado di riassumere un’emozione tanto grande.>> ed io concordo in pieno.

Quella sera eravamo in Basilica Inferiore, tutto è incominciato con una Liturgia di Introduzione al Sacramento della Confessione, durata relativamente poco rispetto al tempo che abbiamo trascorso per l’esame di coscienza.
Ricordo che mentre meditavo e facevo il mio esame di coscienza, ero dolcemente accompagnato dalle angeliche voci della corale, e dal susseguirsi di letture molto belle che aiutavano a riflettere.

Quando mi sono sentito pronto, sono andato a ricevere il Sacramento del Perdono. Vi assicuro che quel sacramento, che tante volte noi ci accostiamo senza un’adeguata preparazione, in quel momento è stato un forte contatto con l’infinito AMORE di DIO. I love you

Subito dopo mi sono recato alla tomba di San Francesco pregando con il Salmo 50, come ci era stato detto di fare, e compiendo il gesto davanti la tomba; cioè fare il lavabo (come fa il sacerdote durante la SS. Messa dopo aver ricevuto le offerte) dicendo: “Lavami, Signore, da ogni colpa, purificami da ogni peccato
Fatto questo sono rimasto lì in silenzio, insieme a tanti altri giovani, commuovendomi come un bambino non so neppure io bene il perché…sentivo solo di essere davvero pulito dentro, e onesto con Dio, nel senso che lo sentivo come Amico, Fratello, Padre ed io mi sono affidato a Lui.

Sembrerà stupido quello che c’è scritto e soprattutto tutto molto fantasioso e magico…ma vi assicuro che queste sensazioni possiamo sperimentarle sempre nella nostra vita, pregando assiduamente e ponendo la nostra Fiducia in LUI Exclamation Exclamation (poi è pure vero che il luogo in cui eravamo ci è stato di grandissimo aiuto bom )

Giunto alla fine delle mie preghiere e avendo acquistato un immensa PACE interiore, mi dirigo davanti l’altare (sempre della Basilica Inferiore) e rimango ancora una volta imbambolato ed immerso, nelle celestiali voci della corale (non ci avevo fatto ancora l’abitudine), che non aveva smesso di cantare durante tutta la serata.
Nello stesso momento vengono Luisa, Simona e Peppe, Fabio e via dicendo tutti i miei amici di Trapani…tutti quanti scossi e con gli occhi gonfi dalle lacrime… Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven
Ci sediamo lì senza dirci una parola (non sarebbero servite!), semplicemente guardandoci e abbracciandoci e ascoltando quel meraviglioso Coro…che bellissimo momento Exclamation Exclamation Grazie ragazzi, Grazie Assisi, Grazie San Francesco Exclamation
to be continued Arrow Arrow Arrow
avatar
davide

Numero di messaggi : 107
Data d'iscrizione : 03.05.08
Età : 28
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  sarah il Mer Nov 12, 2008 11:49 am

Wow ragazzi che belle testimonianze che avete scritto quasi quasi mi avete fatto venire la voglia di partecipare al prossimo incontro Giovani Verso Assisi.
che siete dei ragazzi stupendi l'ho potuto constatare conoscendovi grazie a Irene e Davide.
Gesù vi ha dato un grande dono come gruppo, che siete molto coinvolgenti e che riuscite a trasmettere agli altri l'entusiasmo che mettete in tutto ciò che fate.
sono certa che arricchiti dall'esperienza che avete fatto ad Assisi riuscirete ancora di più a fare questo.
PER IL MIO ORMAI EX COMPAGNO DI GRUPPO DAVIDE
:
La testimonianza che hai scritto sul forum è ancora più bella di quello che mi hai raccontato quando sei tornato da Assisi.
credo che nessuno sul forum ti abbia preso x pazzo perchè hai scritto degli interventi lunghi o perchè hai descritto le tue emozioni. anzi hai avuto molto coraggio perchè non è di certo facile.
santa Teresa di Lisieux tanto cara a noi carmelitani e so che è cara anche a te quando ha scritto Storia di un anima diceva:
" Ci sono cose che il cuore sente ma che il pensiero e le parole non riescono a descrivere "
e se ha avuto difficoltà S. Teresina figuriamoci noi [b]
Trasforma questa bella esperienza di Assisi in qualche cosa di positivo e di concreto nella tua vita , anche nel nostro gruppo giovani in parrocchia e con i ministranti che con tanta cura segui così che da vero credente quale sei puoi vivere la tua vita da cristiano vero ma anche scriverla per lasciare un segno indelebile di te . Very Happy
avatar
sarah

Numero di messaggi : 173
Data d'iscrizione : 28.04.08
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  Fabio il Mer Nov 12, 2008 12:55 pm

Direi proprio che questa lunga testimonianza non ti fa passare per pazzo, anzi non vedo l'ora di leggere il resto.
E' bello poter confrontare il modo in cui ho vissuto il convegno con il tuo. Very Happy

_________________
avatar
Fabio

Numero di messaggi : 610
Data d'iscrizione : 12.04.08
Età : 35
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente http://www.sanfrancescotrapani.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  davide il Ven Nov 14, 2008 5:42 pm

Grazie a Fabio e Sara che dicendomi queste belle parole, non potevo deluderli smettendo di scrivere la mia testimonianza... Very Happy
Um bacino particolare alla mia amica e comparrochiana che mi elargisce delle splendide perle di saggeza carmelitane Exclamation Wink
avatar
davide

Numero di messaggi : 107
Data d'iscrizione : 03.05.08
Età : 28
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  sarah il Ven Nov 14, 2008 6:04 pm

comparrocchiano preferito è un piacere istruirti su quanto so di carmelitano Very Happy tu non te ne accorgi ma stai diventando più carmelitano di quanto tu stesso non ammetta. ehehh ricambio con gioia il tuo affettuosissimo saluto on line e attendo con ansia di leggere il resto della tua testimonianza.
un abbraccio di vero cuore Very Happy
avatar
sarah

Numero di messaggi : 173
Data d'iscrizione : 28.04.08
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  davide il Ven Nov 14, 2008 6:12 pm

VENERDI’ 31 OTTOBRE
Prosegue la mia, e nostra rivisitazione, dei giorni assisiani…
Il 3° giorno è incentrato sulle testimonianze e con momenti di particolare confronto con gli altri, oltre che con noi stessi.
La mattina, come al solito, celebriamo le lodi in Basilica Superiore e alla conclusione ci vengono presentati i 7 testimoni:
  • Fra Luciano Marini, ofm conv.: Animazione Missionaria
  • Fra Paolo Liu, ofm conv.: La Chiesa Cattolica in Cina
  • Don Pasquale Incoronato: Pastorale Giovanile Napoli
  • Don Mario Golesano: Parroco di Brancaccio – Palermo, successore di Don Pino Pugliesi
  • Rita Coruzzi: UNITALSI, Scrittrice
  • Sr Ornella Ciccone, sfm Assisi: Medico Pediatra c/o l’ospedale di Padova
  • Famiglia Petri (Marco e Ilaria): Impegno sociale e post-missionario
A questo punto ciascuno di noi è libero di scegliere a quale testimonianza assistere, perché purtroppo ci hanno divisi in vari posti, quindi era impossibile seguirli tutti…ma questa non è stata una cosa negativa, a mio parere, perché ci ha consentito di condividere ciascuno la propria esperienza quando poi ci siamo rincontrati tutti per andare a pranzo.
Infatti, riguardo alla “compagnia trapanese”, ci siamo sparpagliati tra i vari testimoni, ciascuno secondo la propria curiosità personale: per esempio, Fabio ha avuto la fortuna di ascoltare due testimoni, perché insieme a Fra Paolo Liu si è unito Fra Luciano, in quanto hanno parlato di missioni nel mondo in particolare in Cina (rinvio a Fabio eventuali chiarimenti); io ed Arianna abbiamo seguito la testimonianza di Marco e Ilaria, che hanno fatto un’esperienza missionaria, come famiglia, in Venzuela; Simona e Luisa hanno scelto Don Pasquale, di cui Simona ha scritto in qualche intervento precedente; Cristopher, Peppe e Pietro erano interessati alla testimonianza del parroco di Brancaccio; Irene e Rita hanno ascoltato la testimonianza della suora missionaria; e così via anche gli altri che non ricordo Razz
Adesso vi dirò qualcosa sulla testimonianza di cui ho fatto parte, ma se siete curiosi delle altre, fate le vostre domande perché ogni testimonianza era da seguire interamente e aveva una propria particolarità che incuriosiva molto (per quanto mi riguarda le avrei seguite tutte, ma purtroppo non è stato possibile) Exclamation

Come ho già detto sopra, ho assistito alla testimonianza di Marco e Ilaria, una coppia di sposi abbastanza giovane con 2 figli e in attesa del 3° proprio in questo periodo cheers sunny AUGURIIIIIIIII Exclamation Exclamation
Quello che ci hanno raccontato è stata la loro esperienza in Venezuela, dove è nato e vissuto i primi anni di vita il loro primo figlio.
Precisiamo col dire che Marco e Ilaria fanno parte dell’O.F.S., quindi hanno vissuto questa esperienza anche come missionari francescani.
Ilaria raccontava che aveva conosciuto Marco all’interno dell’O.F.S. durante un progetto che stavano sviluppando nella loro parrocchia (loro sono di Prato), e che fino a prima di conoscerlo, il matrimonio, non era tra i suoi progetti di vita…ma si sa…Dio sconvolge sempre i nostri progetti drunken!! Così una volta sposati, approfondendo la loro vita spirituale, hanno sentito il forte desiderio di uscire fuori dalla propria città, dai propri confini e divenire APOSTOLI nel mondo…a questo punto Marco racconta di come ha lasciato il suo lavoro:
lui è un ingegnere e lavorava presso una ditta, ma avendo preso la decisione di partire insieme a sua moglie in una missione umanitaria all’estero per un po’ di anni, va dal suo direttore e gli fa presente la situazione dicendo che vuole licenziarsi, a questo punto il direttore alza gli occhi dalla scrivania e dice: “Arrivederci!”.
Marco commentò dicendoci: “Un licenziamento tristissimo, il mio.” Però era felice e sereno di rispondere alla chiamata di Dio, lasciando il sicuro posto di lavoro per Dio…che coraggio (aggiungo io) Exclamation
La testimonianza continua con una presentazione Power Point proiettata al muro, che ci mostra le foto del lavoro svolto nel posto dove si trovavano (un paesino vicino Caracas).
Ci dicono quali devono essere i presupposti per fare un esperienza del genere:
  • pensare, innanzi tutto, che stiamo andando a condividere un’esperienza d’Amore e non solo ad aiutare delle persone disagiate; I love you
  • avere uno stile di vita sobrio, per potersi uniformare con la povertà di questi posti;
  • integrarsi alla popolazione per fargli sentire che sei uno di loro, studiando e assimilando la storia, le usanze e le tradizioni del popolo e della nazione in cui operiamo;
  • entrare nella logica dell’ascolto e integrare solo ciò che è strettamente necessario, per abbattere le barriere convenzionali dove un europeo è ricco, intelligente, giusto.

Continuano dicendo che in questa esperienza hanno vissuto il loro matrimonio in un modo unico e insostituibile, infatti in modo ironico ci dicono: “Facendo il rapporto di quanto tempo siamo stati assieme, delle esperienze che abbiamo vissuto sempre a stretto contatto in Venezuela, è come se fossimo sposati da 20 anni.”
Sottolineano più volte il fatto che erano partiti con l’obiettivo di portare i loro doni, la loro fede e condividerli con un nuovo popolo, invece ritornano in Italia rendendosi conto che sono di più i doni ricevuti che quelli che hanno dato.
Infatti i doni ricevuti, che hanno voluto farci notare sono:
  • accoglienza incondizionata, senza alcun tipo di differenza nella razza, religione o altro, come è successo per loro in un paese del tutto sconosciuto;
  • imparare a pregare con la Bibbia, perché in Venezuela c’erano delle giornate in cui i fedeli si riunivano e leggevano la Bibbia tutti insieme, commentandola e pregando (cosa in cui noi laici italiani siamo molto carenti);
  • imparare a vivere in maniera semplice, avendo visto lo stile di vita molto povero e sobrio dei paesi del 3° mondo;
  • interiorizzare e vivere il senso della festa, che non è, come crediamo noi, quello di fare i regali o organizzare un ricevimento per un compleanno, battesimo, comunione, matrimonio, bensì il fatto che un gruppo di persone si riunisce con la gioia e la voglia di festeggiare un avvenimento. Quindi anche senza palloncini, regali o banchetti speciali ma semplicemente con la voglia di cantare, ballare e divertirsi insieme, proprio come hanno visto in Venezuela, dove il senso della musica ce l’hanno nel sangue.

Comunque la loro testimonianza è stata ricca di tantissimi particolari molto curiosi, che non vi sto qui ad elencare, ma il concetto di fondo a tutto era l'ASCOLTOe la FIDUCIA che Marco e Ilaria riponevano in Gesù, in modo incondizionato. Si abbandonano alla Divina Provvidenza e sono pronti a rifare un’altra esperienza con persone dei paesi poveri, dove Dio li chiama…

Non so voi, ma alla luce di quanto ho riportato, ciò che sicuramente mi ha incuriosito inizialmente e mi ha affascinato sempre più mentre li ascoltavo, è come addirittura una famiglia, possa vivere una vita DONATA a Cristo e ai fratelli trovando i mezzi di sostentamento per poter far crescere i figli…che FEDE ragazzi!

Concludo questa testimonianza con una frase di Marco e Ilaria,che è un grande consiglio:
“Non mettere avanti le paure in una vocazione, quindi non farti scavalcare da esse. Ma in una missione, i dubbi e le paure, devono accompagnarti.”

Credo di essermi nuovamente dilungato troppo…ma vi assicuro che ho ristretto al minimo il messaggio e l’esperienza che porto di Assisi sunny

Comunque, adesso non dovrò parlarvi più di tanto del pomeriggio, perché sono sicuro che la maggior parte di voi era collegata on-line quel giorno. Si, infatti, nel pomeriggio abbiamo avuto la relazione di Don Chino Biscontin, di cui avete potuto ascoltare le parole grazie al collegamento in diretta su Internet.
Per quelli che non lo sapevano, vi dico che Don Chino ha fatto una meravigliosa relazione sulla rilettura francescana delle Beatitudini Exclamation A mio parere, semplicemente sensazionale, perché ci ha fatto entrare nella psicologia di Francesco, nel periodo della conversione e nell’accogliere il progetto di Dio per lui, e poi sotto l’ottica francescana ha riletto e spiegato le beatitudini.
Per chi lo ha seguito avrà notato che, non era per niente facile riuscire a seguire e comprendere il suo discorso, in quanto parlava da teologo molto preparato e colto. Però persone come lui ci permettono di approfondire la nostra cultura teologica, che ci consente di esplicare e raggiungere il nocciolo che la Parola di Dio comunica a tutti noi.

Alla sua relazione segue, in Basilica Superiore, la nostra prima Celebrazione Eucaristica ad Assisi (sempre in diretta on-line) presieduta dallo stesso Don Chino. Infine la sera abbiamo, sempre in Basilica Superiore, c'è stata l’Adorazione davanti la Croce con la testimonianza di Rita Coruzzi, la ragazza sulla sedia a rotelle che ha scosso un po’ tutti noi giovani del Convegno parlando di come lei avesse accettato la chiamata a seguire Cristo nella sofferenza e quindi spronando noi, che siamo già più fortunati di lei, nello scegliere Cristo: “Io scelgo Cristo!” è stata la frase che è rimbombata in Basilica quella sera…
to be continued Arrow Arrow Arrow
avatar
davide

Numero di messaggi : 107
Data d'iscrizione : 03.05.08
Età : 28
Località : Trapani

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giovani Verso Assisi: un'esperienza di DIO e dei Fratelli

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum